Articles

www.babygaga.com

Crescere un bambino è difficile quando si ha un coniuge: ma come genitore single che cresce un bambino, ci si può sentire completamente soli. Puoi preoccuparti di non essere in grado di crescere il bambino durante l’infanzia e che non riceva le stesse opportunità degli altri bambini. A volte, per le ragioni più stupide, puoi persino sentirti in colpa.

Per i genitori single, sentire di non essere abbastanza e di non essere mai abbastanza è purtroppo comune. È un peccato perché quello che dovreste provare è il contrario. Crescendo il vostro bambino da soli, state sacrificando così tanto per dare al vostro bambino una vita domestica sicura e stabile.

Questo articolo esplora quindici verità dell’essere genitori single durante il primo anno di vita del vostro bambino. Include emozioni e situazioni difficili che, quando stai crescendo un bambino come genitore single, sei destinato a provare ad un certo punto. A volte essere in grado di relazionarsi con il sentimento aiuta le persone a sentirsi meno sole. Speriamo che questo sia il caso mentre leggi questa lista.

16 Non c’è niente di più spaventoso

Non c’è modo di evitarlo. Quando sei un genitore single, hai due mondi sulle spalle: quello del tuo bambino e il tuo. Che ti piaccia o no, il primo anno è molto influente sul tuo bambino. Stanno entrando nel periodo di crescita più rapido che sperimenteranno in tutta la loro vita, e tu sei qui per guidarli attraverso di esso.

Per necessità, devi assumerti la responsabilità. I prossimi anni possono avere un prezzo. Per la salute del vostro bambino, potreste dover sacrificare opportunità sociali o tempo personale per assicurarvi che il vostro bambino sia felice e sano. Se riesci a riconoscere la responsabilità senza amarezza e a fare quello che puoi, questo farà molto per il tuo benessere.

15 Il sonno è il primo ad andarsene

Le notti da sola con il tuo bambino possono essere difficili, specialmente durante i primi mesi. Crescere un neonato è già abbastanza faticoso durante il giorno senza dover dormire. Invece di scambiarvi i turni con il vostro partner, dovrete alzarvi il doppio delle coppie. Impostare un programma di sonno per il vostro bambino come genitore single può richiedere tempo, e fino a quando questo non accade, si può essere alla fine del tuo spirito.

Riprendere sonno ogni volta che puoi. Se il tuo bambino fa un sonnellino durante il giorno, fai il tuo sonnellino se puoi. Se non riesci a dormire per qualsiasi motivo, fai qualcosa di rilassante come leggere un libro o fare un bagno. Potresti anche mettere la culla del bambino nella tua stanza in modo da poterlo confortare facilmente e doverti alzare meno durante la notte.

14 Hai assolutamente bisogno di aiuto

Hai sentito la frase, “Ci vuole un villaggio per crescere un bambino? Questo vale doppiamente per i genitori single. Appoggiatevi agli altri per un sostegno se ne avete bisogno. Nessuno può crescere un bambino da solo, e la tua famiglia e i tuoi amici sono qui per sostenerti durante il primo anno del tuo bambino.

Chiama tua madre o altre persone care se hai bisogno di consigli, sostegno, o anche di una spalla su cui piangere. A volte tutto ciò di cui abbiamo bisogno per andare avanti è qualcuno che ci ascolta e si preoccupa per noi. Trova qualcuno su cui puoi contare per fornire quel sostegno non solo per il benessere del tuo bambino ma anche per il tuo.

Se non hai una persona cara che capisca cosa stai passando, potresti voler cercare un gruppo di sostegno locale o cercare altri genitori single che possano immedesimarsi e anche condividere ciò che funziona per loro. Non sentirti in colpa se hai bisogno di usare la custodia di un bambino attraverso una babysitter o un servizio di asilo nido durante il giorno. Non importa quanto tu possa essere fantastico come genitore, hai bisogno di aiuto.

13 Second To Go è la tua vita sociale

Durante i primi anni, non dovrai dire addio alla tua vita sociale, ma potresti doverla mettere in attesa per un po’. Tra il lavoro e il mantenimento del tuo bambino, la vita ti colpisce e potresti non avere il tempo di prendere un caffè con gli amici la sera come facevi prima.

Essere un genitore single può essere isolante, e quando la tua principale fonte di contatto viene dal tuo bambino, potresti desiderare la connessione con altri adulti (o almeno qualcuno che non sputa quando lo abbracci). Per combattere la solitudine, tieniti occupato. Questo non significa sovraccaricarti di lavoro fino a quando lo stress non ti fa a pezzi, ma cerca di concentrarti su ciò che puoi fare. Se non riesci a trovare il tempo di pranzare con un collega, prova a invitarlo a cena più avanti nella settimana.

Inoltre, tu sei più di una persona con un bambino: lo devi a te stessa di usare l’assistenza all’infanzia e di avere “tempo per me” quando ne hai bisogno. Ricorda che nessuna persona è un’isola e se non ti allontani dal bambino per cercare sostegno, non sarai in grado di sopravvivere come genitore single.

12 Persone che danno giudizi

Nessuno conosce la tua storia, ma questo non impedirà agli estranei di dare giudizi ingiusti prima di avere la possibilità di capirti. Quando le persone presumono che tu sia diventato un genitore single perché hai fatto scelte sbagliate o perché il tuo partner ti ha lasciato, non è giusto o corretto. Ma questo non lo rende meno doloroso. A volte la parte più difficile dell’essere genitore single non è solo crescere il bambino: è anche cercare di convincere te stesso che, indipendentemente da quello che dicono gli altri, sei un genitore altrettanto bravo di una coppia sposata.

Non lasciare che il giudizio di qualcun altro ti definisca. Lavorate sull’auto-miglioramento ogni volta che potete, ma non dimenticate nemmeno l’auto-accettazione. Se sei appesantito dalle critiche di altri che non sono nella tua situazione, concentrati su ciò che stai facendo bene in questo momento e su ciò che puoi fare per migliorare la situazione.

Nessuno è perfetto, e se stai inseguendo la visione del genitore ideale di qualcun altro, ti farai solo del male. Non importa quanto duramente ci provi, non ci arriverai mai perché non esiste. Fai ciò che è meglio per la tua situazione. Conosci il tuo bambino meglio di chiunque altro.

11 Non c’è mai “abbastanza” di niente

Non sei un cattivo genitore se lotti per arrivare a fine mese. Non sei un cattivo genitore se non riesci a lavorare quanto vorresti perché dovevi occuparti del tuo bambino. Non sei un cattivo genitore se non iscrivi il tuo bambino ai corsi di nuoto “Mommy and Me” o non leggi per loro in biblioteca perché semplicemente non hai il tempo.

Se ti sembra di non avere o fare mai abbastanza, datti un po’ di credito. Un cattivo genitore non si preoccuperebbe di non provvedere al proprio figlio. Il fatto che tu sia preoccupato dimostra quanto tu tenga al tuo bambino e quanto tu voglia dargli ogni opportunità di crescere.

10 Difficile rimanere positivo

Quando sei fisicamente ed emotivamente prosciugato, puoi sentirti giù velocemente. Concentrarsi sul negativo può essere più facile che considerare il positivo, ed è molto più soddisfacente. Tuttavia, se ti soffermi troppo sull’infelicità, questa ti affogherà. Fare il genitore da solo è difficile a tanti livelli, ma devi tenerti a galla per il bene di tuo figlio e anche per te stesso. Prenditi cura di te stesso, riposati a sufficienza e mantieni un atteggiamento il più positivo possibile.

A volte, indipendentemente da quello che facciamo, possiamo sperimentare una depressione che va oltre qualsiasi cosa che un cambio di prospettiva possa aiutare. La monogenitorialità può derivare da difficoltà emotive come il divorzio o la morte di un coniuge, e ci si può sentire così impotenti e soli che si ha l’impressione di non poterla superare. Se questo è il caso, potresti voler cercare aiuto per la depressione attraverso un gruppo di supporto o una consulenza.

9 Difficile sulla tua vita sentimentale

Quando sei pronto ad entrare di nuovo nella piscina degli appuntamenti, potresti provare ansia per tutti i motivi. Tra l’ora del pisolino e gli appuntamenti di gioco, trovare il tempo per qualcosa di più di un rapido appuntamento su Tinder può sembrare impossibile. Non solo, ma si può sentire che come un genitore single, si porta un sacco di bagagli. Crescere un bambino è utile, ma incredibilmente stressante, e tu lo sai per certo. Chi si trascinerebbe volentieri in questo stile di vita?

Trovare la persona giusta richiede tempo, e lo richiederebbe anche se non fossi una madre single. Se non hai ancora trovato la persona giusta, non preoccuparti. Le opportunità per l’amore arrivano da tutti i tipi di posti, e potresti incontrare un potenziale partner dove meno te lo aspetti. Se ti interessa uscire con qualcuno, apriti all’idea di uscire con qualcuno e non lasciare che i tuoi dubbi ti consumino.

7 Sentirsi in colpa…tutto il tempo

Purtroppo, il senso di colpa e l’essere madre single vanno di pari passo. Anche se crescere un bambino da solo comporta tanti sacrifici, potresti preoccuparti che non stai facendo abbastanza per crescere bene tuo figlio. Ogni giorno in cui li lasciate con una tata per lavorare o non potete provvedere a tutto ciò che vorreste dargli, potreste sentire un senso di colpa schiacciante. Potete anche sentirvi in colpa perché sentite che questa situazione è colpa vostra per qualsiasi motivo o desiderate che vostro figlio possa crescere con due genitori.

Il senso di colpa in sé può essere sano. Quello che fai con questi sentimenti determina quanto siano benefici. Non odiarti, e non soffermarti così tanto sul passato da non riuscire ad andare avanti. Se il tuo passato ti perseguita, ricordati che ora sei una persona diversa e fai del tuo meglio per crescere il tuo bambino. Ogni giorno, fai un passo avanti e guarda un po’ meno ai rimpianti del passato.

6 Programmare il tempo per me

Prenditi cura di te. Quando si sente la frase “cura di sé”, si può rabbrividire e preoccuparsi che si sta diventando egoisti. Ma mantenersi in salute non significa solo fare la manicure o mangiare bon-bon vicino al fuoco. Guardala in questo modo: se non sei in grado di stare in salute (e questo include la salute emotiva), non sarai in grado di prenderti cura del tuo bambino. Semplicemente non lo farete. Se non crolli per esaurimento fisico, allora il solo stress ti mangerà dall’interno.

Spendi il tuo tempo saggiamente. Mentre il tuo bambino fa un pisolino o tua madre si offre di guardarlo per un’ora o due, prenditi del tempo per mettere da parte le tue preoccupazioni e concentrarti su te stesso. Vai a fare una passeggiata o a pranzare da qualche parte nelle vicinanze. Il tuo bambino sarà lì per te quando tornerai, e quando tornerai, sarai molto più riposato.

5 Cercare di non farti prendere dalla preoccupazione

Questa è una frase che ho imparato dal mio supervisore al lavoro. Era solita esprimere al suo manager la preoccupazione che non si sentiva mai di fare abbastanza e che non riusciva a non preoccuparsi di ogni preoccupazione. Lui le diceva, in cambio, che se avesse lasciato che lo stress la colpisse, questo lavoro l’avrebbe uccisa. Non sarebbe mai stata in grado di fare tutto ciò che voleva realizzare e se si fosse soffermata su questo, alla fine sarebbe rimasta così paralizzata da non essere in grado di fare nulla.

Così è per i genitori single. Lo stress può ucciderti, facilmente. Crescere un bambino è una montagna russa dopo l’altra e quando sei un genitore single, non sei mai fuori servizio. Devi prendere una decisione, per il bene della tua sanità mentale. O puoi abbandonarti ad ogni preoccupazione e lasciare che ti tenga sveglia la notte, o puoi prendere il controllo di ciò che puoi cambiare. La scelta è tua.

4 Vivere le cose difficili da soli

I tuoi amici e la tua famiglia possono essere un eccellente sostegno durante i tuoi primi anni a crescere un bambino da sola. Quando hai bisogno di una spalla su cui appoggiarti, loro possono tenerti in piedi quando altrimenti, cadresti a terra.

Tuttavia ci sono sempre delle strade che dobbiamo percorrere da soli. Il tuo vicino non ci sarà quando sono le tre del mattino e il bambino non vuole andare a letto. Puoi parlare con tua madre dopo, ma quando un estraneo sta dando a te e a tuo figlio un’occhiataccia sull’autobus del mattino, devi essere abbastanza coraggioso da affrontarlo da solo. Non importa quanto gli altri ti amino, potresti dover affrontare la solitudine e il dubbio da solo alcune notti.

Tu starai bene. Potresti non sentirti così in questo momento, ma sei forte. Sappi che puoi fare cose difficili e che quando arriverà il momento, sarai pronta.

3 Non avere mai una pausa

Alcuni giorni, potresti avere la sensazione che ogni momento sia un errore dopo l’altro. Crescere un bambino non è un compito facile per un genitore single: anzi, essere genitori è molto, molto impegnativo. Per quanto tu possa provare a programmare un po’ di “tempo per me”, questo potrebbe non funzionare una volta ogni tanto.

Quando arrivano le brutte giornate e sei oltremodo esausto, ricorda: anche questo passerà. Tra qualche anno ripenserai a questi giorni e ti chiederai come hai avuto la forza di farlo. In questo momento, tho

2 Non essere in grado di fare tutto

Fai un favore a te stesso ed evita di paragonarti ad altri genitori, che siano single o che crescano il loro bambino con un partner. Grazie ai social media, abbiamo una visione completa di ciò che gli altri genitori stanno facendo (e ciò che non stiamo facendo) su base giornaliera. Se ti lasci condizionare, potresti dimenticare quello che stai facendo bene e rimproverarti per tutto quello che non stai facendo.

Se il tuo amico porta il suo bambino al parco ogni giorno, non sei un cattivo genitore se semplicemente non ne hai il tempo. I bambini sono esseri umani, e gli esseri umani sono tutti diversi. Non c’è un solo modo giusto di crescere il tuo bambino. Prendetevi cura dei loro bisogni. Finché sono felici e sani, sei sulla strada giusta.

1 Essere ringraziato

Quando ti guardi allo specchio, potresti vedere due cose che ti fissano: esaurimento e insicurezza. Non devi ignorare i tuoi difetti, ma sappi che la loro presenza non ti invalida come genitore. Essere un genitore single è difficile, forse la cosa più difficile che potrai mai affrontare, e se ti senti come se non fossi abbastanza, va bene così.

Stai fornendo al tuo bambino una famiglia, e stai facendo meglio di quanto pensi. Un giorno, tra qualche anno, tuo figlio ti ringrazierà e ti dirà quanto ha apprezzato i tuoi sacrifici. Forse non lo faranno a parole, ma nei loro piccoli risultati e momenti di gioia.

Ogni abbraccio, ogni sorriso, ogni “Ti amo!” è una testimonianza di quanto sia importante quello che stai facendo e che lo stai facendo proprio bene.

Quello che stai facendo va al di là di quello che ci si aspetta normalmente nella genitorialità. Dopo tutto, siete una persona che fa il doppio del lavoro, sia emotivamente che fisicamente. Se non altro, meritate di essere lodati, non rimproverati. Ma questo non lo rende meno difficile.

Fonti: BabyCenter.com, Healthfinder.gov, ThoughtCatalog.com

Condividi Condividi TweetEmail Comment
Argomenti correlati

  • Cosa?

Sull’autore

Andy Winder (40 articoli pubblicati)

Andy Winder è un laureando che studia inglese alla Brigham Young University. Spera, come scrittore di Baby Gaga, di aumentare la comprensione per la genitorialità LGBTQ e la crescita dei bambini in un ambiente aperto e tollerante. Quando non scrive, gli piace passare il tempo con le sue quattro sorelle minori, visitare musei d’arte e lavorare verso il suo obiettivo finale: pubblicare un romanzo YA. Potete vedere altri suoi lavori sul suo sito web: andywinder.wordpress.com

More From Andy Winder

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.