Articles

Prima ecografia di gravidanza dopo il trattamento di FIVET (Fecondazione in Vitro)

Conferma della gravidanza dopo FIVET e donazione di ovuli. La prima ecografia in cui si può vedere la gravidanza è un momento molto emozionante per i genitori, soprattutto per i pazienti che sono passati attraverso trattamenti di riproduzione assistita. Per queste pazienti, dopo aver avuto un test di gravidanza positivo, la loro ansia non va via ma si rafforza fino a quando la gravidanza non si vede svilupparsi normalmente. Quindi è molto importante sapere cosa succede durante questa esplorazione e cosa aspettarsi.

Quando eseguire la prima ecografia di gravidanza dopo il trattamento FIVET?

Dovrebbe essere effettuata tra la 5° e la 7° settimana di gravidanza, quindi tra le 3 e le 5 settimane dopo il trasferimento degli embrioni. Per calcolare la gravidanza dopo la FIVET, fissiamo sempre una data teorica dell’ultimo periodo mentale 14 giorni prima del prelievo degli ovuli.

Esattamente un mese dopo il trasferimento degli embrioni è un ottimo momento per effettuare l’ecografia e vedere chiaramente se la gravidanza procede o meno. Se questo viene fatto prima, possiamo creare confusione e incertezza, dato che la maggior parte delle volte non sarà conclusiva.

Come eseguire la prima ecografia di gravidanza dopo il trattamento FIVET?

L’ecografia deve essere fatta per via vaginale. Questo mostra le immagini più chiaramente, ed è più preciso nel mostrare che tutto si sta evolvendo correttamente. Sappiamo che realizzare l’ecografia in questo modo non influisce negativamente sulla gravidanza.

Perché è importante realizzare un’ecografia di gravidanza tra la sesta e la settima settimana di gravidanza?

  1. Possiamo confermare che la gravidanza è nell’utero ed escludere una gravidanza ectopica (che si trova fuori dall’utero).
  2. Possiamo vedere se si tratta di una gravidanza singola o multipla.
  3. Ci permette di valutare se l’evoluzione della gravidanza è come dovrebbe essere. Se non si sta evolvendo bene, può darci un’idea del perché.

Cosa possiamo vedere nella prima ecografia di gravidanza dopo il trattamento FIVET?

Nella prima ecografia dopo la FIVET effettuata nella 6ª o 7ª settimana di gravidanza possiamo vedere le seguenti strutture:

Sacco gestazionale

Questa è la prima struttura vista. È un’immagine scura, circondata da un alone, che si trova all’interno dell’utero (nell’endometrio, che abbiamo osservato crescere durante la stimolazione ovarica). La dimensione media alla sesta settimana è di circa 14 mm, ma questo varia notevolmente può sacchi che sono molto più piccoli e molto più grandi non sono considerati anormali.

Sacco vitellino

Questa è una struttura vestigiale che si vede all’inizio dello sviluppo embrionale. La sua forma rotonda, bianca, assomiglia ai follicoli durante la stimolazione. Misura circa 3-4mm, e se è più grande di 6mm è considerata una prognosi sfavorevole.

Battito cardiaco

Tende ad apparire intorno alla 6a settimana. La frequenza cardiaca in questo momento è tra 90 e 110 battiti al minuto, e aumenterà nelle prossime settimane.

Embrione

La massa cellulare che ha tutti gli organi dell’embrione. È una struttura attaccata al sacco vitellino. Nella 6a settimana a volte non si vede ancora, perché la sua dimensione è tra 2-8mm. questo varia molto, e crescerà molto rapidamente (circa 1mm al giorno).

Nel caso in cui queste strutture non si vedono, o le loro dimensioni non sono come previsto, questo significa che la gravidanza è persa?

Dobbiamo essere cauti nell’interpretare i risultati dell’ecografia in questo momento, poiché ci sono diversi fattori che possono portare ad una diagnosi errata:

Le variazioni nel normale sviluppo embrionale

Anche se è molto presto nella gravidanza, ci sono molte variazioni nell’aspetto dei risultati dell’ecografia. Perciò qualsiasi diagnosi deve essere confermata qualche giorno dopo.

Differenze nella qualità dell’immagine a seconda del paziente

Ogni paziente è diverso, e i suoi tessuti trasmettono le onde ecografiche in modo diverso. Le immagini possono essere poco chiare se la trasmissione non è buona.

Posizione dell’utero e posizione del sacco gestazionale

A seconda della distanza tra la sonda ecografica e il sacco gestazionale, l’immagine può essere più o meno chiara. Questo può significare che la diagnosi è inconcludente.

Dr. Joaquín Llácer, Co-Direttore Medico di Riproduzione Assistita dell’Instituto Bernabeu

Può anche interessarti:

  • Fallimento d’impianto e aborto ricorrente Unità. Trattamento e soluzioni.
  • Fecondazione in vitro (IVF)
  • Check up di gravidanza e travaglio.e travaglio
  • Unità specializzata per gravidanze ad alto rischio
  • Gravidanza ed endocrinologia

È possibile organizzare un

Prima ecografia di gravidanza dopo trattamento FIVET (fecondazione in vitro)

4 (80.31%) 64 voti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.