Articles

Le scale minori: Naturale, Armonica e Melodica

Quando si impara la teoria musicale e le scale, la prima che la maggior parte delle persone impara è la scala maggiore, ma sono solo un tipo di molte scale musicali diverse. Ogni scala usa una formula diversa di intervalli e ha un suono e una sensazione completamente diversi. Alcune suonano felici, alcune suonano misteriose e alcune suonano tristi o malinconiche.

In questo post tratterò tutto ciò che c’è da sapere sulle scale minori, compresi i diversi tipi e come si formano.

Tabella dei contenuti

Cos’è una scala minore?

Tendiamo a dire che le scale maggiori hanno un suono più “felice” e “allegro”, mentre le scale minori hanno un suono più “scuro” e “triste”.

Le scale minori hanno una formula diversa di toni e semitoni (passi interi e mezzi passi) rispetto alle scale maggiori.

La differenza principale è che tutte le scale minori hanno la terza nota della scala “appiattita”.

Con appiattita, intendo che la terza nota è abbassata di un semitono o mezzo passo.

Study bass ha scritto un buon post per approfondire la differenza tra maggiore e minore che puoi leggere qui.

I tre tipi di scale minori

A differenza delle scale maggiori di cui c’è solo un tipo da conoscere, le scale minori hanno tre varianti.

I tre tipi di scale minori che vedremo sono:

  • La scala minore naturale
  • La scala minore armonica
  • La scala minore melodica

Tutte e tre queste scale minori iniziano allo stesso modo ma hanno alcune leggere differenze dopo.

Nota a margine: le scale minori melodiche e armoniche non hanno nulla a che fare con gli intervalli melodici e armonici. Sono cose completamente diverse ma usiamo la stessa parola.

La scala minore naturale

La prima scala minore che vedremo è la scala minore naturale.

Una scala minore naturale usa questa formula di toni e semitoni (passi interi e mezzi passi).

T – S – T – T – T – S – T – T

Oppure in passi interi e mezzi passi sarebbe:

W – H – W – W – H – W – W

Se volessimo suonare una scala minore naturale partendo dalla nota A usando questo ordine di toni e semitoni risulterebbe come usare tutte le note bianche della tastiera (lo stesso di C maggiore).

Una scala minore naturale
Una scala minore naturale ascendente
Una scala minore naturale discendente

Possiamo usare questa combinazione di semitoni e toni per formare una scala minore naturale partendo da qualsiasi nota.

Per esempio, ecco una scala minore naturale che inizia su D:

Scala minore naturale di D

Oppure ecco un’altra scala minore naturale questa volta che inizia su E:

Scala minore naturale di E

La minore naturale è anche conosciuta come il modo eoliano.

Ecco la nostra guida ai modi musicali che li spiega un po’ più in dettaglio.

La scala minore armonica

Il secondo tipo di scala minore che vedremo è la scala minore armonica

I minori armonici usano questa combinazione di toni e semitoni:

T – S – T – T – T – S – T1⁄2 – S

O in passi interi e mezzi passi sarebbe:

W – H – W – W – W – H – W1⁄2 – H

Nota che le minori armoniche hanno un intervallo che è un tono e mezzo o tre semitoni.

Quindi usando questo ordine di toni e semitoni possiamo costruire una scala minore armonica partendo dalla nota A:

Una scala minore armonica
Una scala minore armonica ascendente
Una scala minore armonica discendente

Come potete vedere la minore armonica è molto simile alla minore naturale.

L’unica differenza è che il 7° grado della scala è un semitono più alto.

In La minore naturale è un Sol naturale ma nella minore armonica è un Sol#.

Mantenendo questo schema di semitoni e toni possiamo quindi elaborare una scala minore armonica partendo da una nota qualsiasi.

Per esempio ecco la scala minore armonica di D:

D scala minore armonica

E ecco la scala minore armonica di E:

E scala minore armonica

La scala minore melodica

Ora il terzo tipo di scala minore che è la minore melodica.

Le scale minori melodiche sono abbastanza diverse dalle minori naturali e armoniche perché usano note diverse quando salgono (vanno su) e quando scendono (vanno giù).

Le minori melodiche ascendenti usano questa combinazione di toni e semitoni:

T – S – T – T – T – T – S

Ovvero in passi interi e mezzi passi:

W – H – W – W – W – W – W – H

Ma in discesa usano questa combinazione (dall’alto in basso):

T – T – S – T – T – S – T

O in passi interi e mezzi passi

W – W – H – W – W – H – W

Una scala minore melodica

Scale minori melodiche ascendenti

Guardiamo A minore melodica ascendente:

Una scala minore melodica ascendente

Qui potete vedere che è simile alla minore naturale ma ha la sesta e la settima nota della scala alzate di un semitono.

Un altro modo in cui mi piace pensare alle minori melodiche ascendenti è che sono uguali alla scala maggiore ma con una terza schiacciata.

Per esempio, la scala A maggiore ha un C#, questa è l’unica differenza:

Una scala maggiore

Scale minori melodiche discendenti

Ma le minori melodiche sono diverse in quanto non usano le stesse note quando discendono.

Quando si discende, la sesta e la settima nota sono abbassate di un semitono.

Una scala minore melodica discendente

Qui si può notare che le minori melodiche discendenti sono esattamente le stesse della scala minore naturale.

Ora che sappiamo come formare una scala minore melodica, possiamo elaborarle partendo da qualsiasi nota.

Ecco una scala minore melodica a partire dalla nota D:

D scala minore melodica

Oppure ecco E scala minore melodica:

E scala minore melodica

Le differenze tra minori naturali, armoniche e melodiche

Facciamo un rapido riassunto dei tre tipi di scale minori.

Minori naturali:

  • Sono le stesse scale ascendenti e discendenti
  • Utilizzate la formula T – S – T – T – S – T – T – T

Minori armoniche:

  • Sono gli stessi ascendenti e discendenti
  • Utilizzano la formula T – S – T – T – S – T1⁄2 – S
  • Hanno una settima nota sollevata

Melodici minori:

  • sono diversi ascendenti e discendenti
  • ascendenti usano questo schema: T – S – T – T – T – T – S
  • discendenti usano questo schema: T – T – S – T – T – S – T
  • innalzamento della 6a e 7a nota ascendente (come la scala maggiore)
  • spianatura della 6a e 7a discendente (come la scala minore naturale)

Ma ricorda, le tre scale minori hanno SEMPRE una 3a nota schiacciata.

Con questo, voglio dire che è un semitono più basso della scala maggiore.

Questo è ciò che le rende una scala minore piuttosto che una maggiore.

Riassumendo le scale minori

Ad ogni modo, spero che questo aiuti a dare un senso alle scale minori e alle differenze tra loro.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.