Articles

La prima imperatrice romana – Livia Drusilla

(pubblico dominio)

Sentiamo spesso parlare degli imperatori romani, ma raramente sentiamo parlare delle imperatrici sposate con loro. Livia Drusilla fu sposata per la prima volta con Tiberio Claudio Nerone (si pensa nel 43 a.C.) e diede alla luce il futuro imperatore Tiberio nel 42 a.C. Più tardi divenne la terza e ultima moglie dell’imperatore Augusto dell’Impero Romano.

Nacque il 30 gennaio 58 o 59 a.C. da Marco Livio Druso Claudiano e sua moglie, Aufidia, probabilmente a Roma. Poiché la vita delle donne in questo periodo non era ben documentata, non si sa molto della sua prima vita. Mentre era sposata con Tiberio Claudio, andò in esilio con lui e la loro famiglia in Grecia dopo che il primo scelse le alleanze politiche sbagliate (conservatori nel Senato romano e Marco Antonio). Tornarono poi a Roma nel 39 a.C. Era incinta del suo secondo figlio, Nerone Claudio Druso, quando divorziò da Tiberio Claudio Nerone per sposare l’imperatore Augusto nel 37/38 a.C. Sarebbero rimasti sposati per 51 anni.

Livia era nota per essere una fedele e affidabile ma tranquilla sostenitrice di suo marito. Augusto rispettava i suoi pensieri e le sue opinioni, tanto che discuteva con lei delle cose all’interno dell’Impero, e per questo motivo, molti consideravano la sua influenza elevata sull’imperatore. Si diceva che fosse in grado di convincerlo ad essere clemente con i suoi avversari. Livia Drusilla direbbe di non avere molta influenza su Augusto, ma secondo lo storico romano Tacito non era così. Egli scrisse negli Annali (storia scritta dell’Impero Romano dagli anni 14-68 d.C.), “Ella aveva guadagnato una tale presa sull’anziano Augusto che egli cacciò come esule nell’isola di Planaxia, il suo unico nipote Agrippa Postumus, sebbene privo di qualità degne, e avendo solo il coraggio bruto della forza fisica, non era stato condannato per alcun reato grave.”

Inoltre, la sua dignità, la sua bellezza e la sua intelligenza erano ammirate in tutta Roma. Tuttavia, come è normale per chiunque, c’era chi la detestava e non si fidava di lei. Uno di questi era il suo pronipote, Gaio, che si dice l’abbia chiamata “Ulisse in gonnella” per la sua lingua tagliente.

L’obiettivo principale era assicurarsi che uno dei suoi due figli finisse sul trono, e lavorò instancabilmente perché ciò si realizzasse. Temeva che i nipoti biologici di Augusto sarebbero stati l’erede al posto di uno dei suoi due figli. Nel 4 d.C. Augusto adottò Tiberio e ne fece l’erede. Alla morte di Augusto il 19 agosto 14 d.C. (dove Livia era al suo fianco), Tiberio divenne imperatore romano. Augusto lasciò due terzi delle sue proprietà al suo erede e solo un terzo a Livia.

Poiché Livia Drusilla era così importante per Augusto, egli si assicurò che fosse in grado di mantenere il suo status, così come il suo potere. Il testamento stabiliva anche che lei veniva adottata nella sua famiglia giuliana; le diede anche il titolo onorifico di Augusta. Da allora in poi, si chiamò Julia Augusta grazie agli onori che Augusto le aveva concesso.

Dopo che suo figlio era salito al trono, ebbero buoni rapporti – almeno per un periodo. Anche se in seguito non ebbe mai paura di intervenire nelle decisioni di Tiberio. Tacito scrisse che, fino all’anno 22 d.C., tra i due c’era “una genuina armonia tra madre e figlio, o un odio ben celato”. Tuttavia, lo storico Cassio Dio non era d’accordo dicendo che detestava sua madre al momento della sua ascesa. Stanca della sua ingerenza, fu rimossa dagli affari pubblici dal figlio. Tiberio si precipitò a casa per starle accanto quando lei si ammalò nel 22 d.C., ma quando lei morì nel 29 d.C., lui rimase a Capri dove si era autoesiliato per citare il troppo lavoro. Molti sostengono che la sua natura dominante fu la causa del suo esilio. Egli avrebbe posto il veto a tutti gli onori di sua madre dopo la sua morte. Questi onori sarebbero stati finalmente concessi quando suo nipote sarebbe salito al trono. Fu quindi chiamata Diva Augusta in latino (La Divina Augusta). Una statua di lei fu anche installata al Tempio di Augusto.

Livia Drusilla sarebbe poi diventata la nonna dell’imperatore Claudio attraverso suo figlio Nerone Claudio Druso. Morì all’età di 86 anni nel 29 d.C. – otto anni prima della morte dei suoi figli.

Come Loading…

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.