Articles

Is There A Connection Between Binge Eating And Anxiety?

Healthline.com
Novembre 2015

Binge eating e ansia vanno insieme più spesso di quanto si possa pensare. Le persone con disturbo da binge eating (BED) sperimentano episodi ricorrenti di abbuffate. Le persone con BED mangiano grandi quantità di cibo e sentono una perdita di controllo sul mangiare. Le persone con disturbi d’ansia sperimentano frequenti preoccupazioni o paure per le situazioni quotidiane. Possono avere attacchi di panico, che sono periodi intensi e concentrati di ansia.

Si stima che dal due al cinque per cento degli americani soffra di BED. Questo è il disturbo alimentare più comune negli Stati Uniti. I disturbi d’ansia sono la malattia mentale più comune negli Stati Uniti, colpendo il 18 per cento degli adulti americani.

Secondo uno studio del 2009, quasi il 75 per cento delle persone con BED ha sperimentato almeno un altro disturbo psichiatrico nella loro vita. Quasi il 40% delle persone ha lottato con l’ansia.

Asia e sovralimentazione
L’ansia può presentarsi in diverse forme. L’ansia generalizzata si riferisce alla preoccupazione persistente per qualsiasi situazione della vita. Si può anche sperimentare l’ansia intorno a una situazione specifica, come gli eventi sociali. Le persone che soffrono di attacchi d’ansia sperimentano sintomi fisici, come mancanza di respiro o dolore al petto.

La ricerca deve ancora determinare la causa specifica dell’ansia o del BED, ma si pensa che entrambi siano causati da una combinazione di fattori, tra cui:

  • genetica
  • ambiente
  • fisiologia
  • neurologia

Alcuni ricercatori credono che abbuffarsi possa temporaneamente calmare i sentimenti di ansia per alcune persone. Uno studio ha trovato il desiderio di abbuffarsi aumentato con lo stress, l’ansia e la risposta del cortisolo nei partecipanti con BED.

Il ruolo del cortisolo
Il cortisolo è un ormone surrenale che potrebbe influenzare l’appetito. A volte è chiamato “ormone dello stress”. Questo perché i tuoi livelli di cortisolo aumentano quando sei sotto stress.

C’è una ricerca limitata sulla connessione tra i livelli di cortisolo e BED. Ci sono prove che suggeriscono che l’ansia e lo stress possono innescare il mangiare emotivo, tuttavia. Questo può portare alle abbuffate, dice James M. Greenblatt M.D, responsabile medico e vice presidente dei servizi medici presso Walden Behavioral Care a Waltham, Massachusetts.

Cosa puoi fare
Ci sono varie cose che possono aiutarti a controllare l’ansia e le abbuffate. La cosa più importante è ottenere aiuto.

Asia e BED sono condizioni diverse. Curare uno non significa necessariamente curare l’altro, ma entrambi devono essere trattati allo stesso tempo. Un team di trattamento multidisciplinare può essere la scelta migliore. Questa squadra lavora insieme per adattare il trattamento alle vostre esigenze specifiche e assicurarsi che si ottiene il trattamento giusto per voi.

Psicoterapia e farmaci sono comunemente usati per trattare l’ansia, dice Greenblatt. Quando l’ansia viene trattata in modo appropriato, i sintomi delle abbuffate possono diminuire.

La terapia cognitiva comportamentale, che ha dimostrato di essere efficace nel trattamento del BED, può anche essere utile nella gestione dell’ansia. Questo tipo di trattamento si concentra sull’identificazione e la comprensione sia dei vostri processi di pensiero che dei vostri modelli di comportamento in modo da poterli cambiare.

Sapere cosa scatena la vostra ansia può aiutarvi a gestire le situazioni che potrebbero peggiorare tali sentimenti. Per esempio, se sai che i libri sulle diete possono esacerbare la tua ansia, buttali via. Rendete la vostra zona giorno un luogo sicuro e positivo che promuove un’immagine corporea sana.

Lavorare per combattere gli spunti interni e il dialogo può anche beneficiare le persone che soffrono di ansia. Questo può essere fatto praticando la mindfulness, la meditazione e le tecniche di rilassamento. “Dobbiamo essere disposti a credere che cambiare la nostra mente può cambiare la nostra vita”, dice Melissa Groman, LCSW, una psicoterapeuta specializzata in disturbi alimentari e autrice di “Better Is Not So Far Away.”

Se hai BED o ansia, parla con il tuo medico. Possono lavorare con voi per sviluppare un piano di trattamento appropriato.

####

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.