Articles

I bambini che tirano i capelli

Ciao Amy,

Mia figlia di 16 mesi, altrimenti dolce, è un terrore quando si tratta di tirare i capelli e io non so più che fare. Ho i capelli lunghi e lei si diletta ad afferrarli con entrambe le mani e a tirarli con forza. È un’agonia! E non vuole nemmeno lasciarli andare – si aggroviglia con le dita lì dentro e tiene duro, e a volte ci vogliono due persone per districarla.

Sono arrivata al punto che devo avere i capelli legati all’indietro ogni volta che sono vicino a lei, e anche allora lei a volte allunga deliberatamente la mano sopra la mia spalla per tirarmi la coda di cavallo. Cerco sempre di rispondere con calma, dicendole di no e non dandole la soddisfazione di una risposta drammatica, ma non importa quello che faccio, lei ride deliziosamente e chiaramente pensa che sia un gioco. E a volte, lo ammetto, mi fa così male che grido perché non posso farne a meno. Non urlo contro di lei (anche se a volte vorrei farlo!) ma solo un urlo di dolore, e questo apparentemente lo rende solo più divertente. Onestamente la combinazione del dolore e poi mia figlia che ride per averlo causato mi fa venire voglia di piangere a volte, e vorrei davvero trovare un modo per farla smettere.

Hai qualche consiglio per affrontare questo? Il mio istinto mi dice che è troppo piccola per capire un time-out, ma c’è qualche altra forma di punizione appropriata che potrebbe farle effetto? Sono davvero stanca di indietreggiare ogni volta che si avvicina a me per un abbraccio perché ho paura che sia solo una copertura per lei per arrivare ai miei capelli (e di solito è esattamente quello che è!) e mi piacerebbe forse un giorno essere in grado di portare i miei capelli giù intorno a lei senza paura!

Grazie!

Oh, maaaaan… il mio cuoio capelluto stava indietreggiando in simpatica agonia mentre leggevo la tua email, perché sì. La fase del tirare i capelli! È divertente, va bene.

Per cominciare, consolati con il fatto che tua figlia sembra per lo più tirare solo i TUOI capelli, con l’impulso “YAY THIS GAME IS FUN”, piuttosto che, diciamo, tirare i capelli del loro compagno di giochi o del fratello per ogni piccolo confronto di condivisione/”smettila di infastidirmi”. Fa male quando si tratta dei tuoi capelli, ma almeno è leggermente meno mortificante che rendersi conto che il tuo bambino, altrimenti dolce di natura, sta deliberatamente e rabbiosamente facendo ululare di dolore gli altri bambini per una delle due dozzine di macchinine blu intercambiabili.

(Dà a EZR – il mio secondo figlio – l’occhio di merda. Grazie per tutto questo, ragazzo.)

E altre buone notizie: è totalmente una fase. Lo supererà, davvero, quando le sue abilità sociali e il suo vocabolario matureranno e lei sarà un po’ più capace di empatia e/o di controllo degli impulsi. Direi… datele ancora due mesi, o fino alla sua prima grande esplosione di linguaggio. È una sofferenza, sì, ma non preoccupatevi: è una fase relativamente normale, innocua, mentre si diletta in causa-effetto, e non è indicativa di futura crudeltà o scazzottate al parco giochi.

Nel frattempo,

Cinque cose che puoi fare per far sì che il tuo bambino smetta di tirarti i capelli:

Tieni i capelli indietro.

Io portavo i miei con un fermaglio ad artiglio, stile French twist (quindi niente coda di cavallo da tirare), e spesso aggiungevo una protezione extra alla parte anteriore della mia testa con una larga fascia di tessuto. Togliere la tentazione era di solito la soluzione più sicura, anche se non era la più alla moda.

Darle qualcos’altro da tirare.

Investire in “collane da allattamento” o “gioielli da dentizione”. Queste sono collane carine, a prova di bambino per le mamme, progettate per un bambino che allatta o che morde, da tirare e masticare e strattonare a suo piacimento. Ne ho usato uno come questo durante la fase di dentizione e l’ho rimesso in gioco quando Ezra ha attraversato la fase “voglio solo afferrare i tuoi capelli/il tuo viso/la tua pelle e schiacciare”. Qualcosa del genere potrebbe anche essere attraente per un bambino giocherellone e arraffone.

Siate calmi e coerenti.

Non prendetela sul personale. Lei davvero non capisce che ti sta facendo male. Non capisce che ridere fa male ai tuoi sentimenti. Le piace molto, molto la reazione che ottiene quando guaite o vi muovete o vi mordete il labbro e vi sgranate gli occhi mentre cercate di NON guaire o muovervi, e dannazione, cercherà di farvelo fare di nuovo. Punizioni come i timeout (o lo strattonare i capelli in cambio per “mostrarle come ci si sente”) non sono semplicemente appropriati dal punto di vista dello sviluppo, o probabilmente non sono così efficaci. “Non tirare i capelli. Tirare i capelli fa male”. Prendete la sua mano, accarezzate delicatamente i vostri capelli per fare da modello. Ancora e ancora e ancora. L’unico modo per superarlo è attraverso di esso.

Prova qualche gioco preferito legato ai capelli.

Oltre a mostrarle il modo corretto di maneggiare i capelli di qualcun altro subito dopo un incidente di tiro, potresti (se sei abbastanza coraggioso) darle una spazzola o un pettine e lasciarla iniziare a giocare con i capelli della mamma. Se fate il bagno o la doccia insieme, lasciatele provare ad insaponare lo shampoo sulla vostra testa. Se si disintegra tirando, il gioco/privilegio è immediatamente finito… quindi se si scopre che è qualcosa che le piace fare, potrebbe capire che ehi, non ho bisogno di fare quello per continuare a giocare.

In alternativa, se non sei pronto a offrire il tuo cuoio capelluto come cavia, prendile una bambola a pelo lungo o un animale di peluche (come un leone con la criniera) e un pettine o spazzola giocattolo. Mostratele il modo giusto di trattare i capelli, e se li tira – beh, nessun problema, ma cogliete l’occasione per parlare dei sentimenti del giocattolo. “Dolly è triste! Fa male! Non vuole più giocare. Oh, caro.”

Linguaggio dei segni.

Personalmente, ho trovato il linguaggio dei segni VERAMENTE efficace per dare ai miei bambini un modo per esprimere parole e concetti che erano ancora lontani mesi dall’usare nel linguaggio, come “male” e “scusa”. Se puoi insegnare a tua figlia ad usare il segno per “male” (è solo battere le punte dei tuoi indici insieme) quando LEI è ferita o ha la bua, potrebbe aiutare a collegare i punti un po’ prima per lei quando ti vedrà usarlo dopo un incidente di tirata di capelli. Trovate di più sul linguaggio dei segni per bambini qui.

Di nuovo: FASE. Lo supererà, te lo prometto. Porterà di nuovo i capelli sciolti! Alcuni di questi suggerimenti possono andare completamente sopra la sua testa, e avrete solo bisogno di aspettare, con la massima calma possibile. Ma ehi, a volte hai solo bisogno di sentirti come se stessi facendo QUALCOSA di simile a un vero e proprio lavoro di genitore, invece di… una caccia al gatto selvaggia e senza legge, giusto?

Foto di credito: Thinkstock

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.