Articles

Dobbiamo parlare di più della cura della pelle durante la menopausa

Negli Stati Uniti, l’età media in cui una donna inizia la menopausa è di 51 anni, anche se generalmente può arrivare in qualsiasi momento nei 40 o 50 anni. Nel 2020, 50 milioni di donne americane avranno l’età media per la menopausa, eppure la conversazione intorno ai cambiamenti fisici e mentali che avvengono durante questo periodo inevitabile nella vita di una donna e le risorse disponibili per lei sono limitate al meglio. Jill Angelo, il fondatore di Gennev, una clinica online per le donne di mezza età, dice che solo il 7% dei pazienti sta ricevendo il trattamento di cui hanno bisogno, anche se ci sono più di 34 sintomi comuni associati alla menopausa.

Solo sul tema della bellezza, si stima che fino a un terzo del tuo collagene dermico (o la materia che mantiene la pelle dall’aspetto paffuto e sollevato) sarà perso nei primi cinque anni dopo la menopausa, dopo di che diminuisce circa il 2% all’anno, secondo Robin Gmyrek, MD. Ma i nostri feed dei social media e gli scaffali dei negozi di bellezza popolari sono inondati di prodotti che servono una fascia di età molto più giovane – ragazze il cui collagene è fiorente e la cui produzione di olio è regolata. In altre parole, i prodotti specificamente formulati per colpire il degrado generale della pelle durante questo periodo cruciale sono pochi e lontani tra loro, e l’educazione per sostenere come le donne dovrebbero trattare la loro pelle dopo questi cambiamenti è scarsa. Quindi siamo qui per aiutare a spostare la conversazione – abbiamo parlato con Gmyrek, Rochelle Weitzner, fondatore e CEO di Pause Well Aging, e Lena Korres, co-fondatore e chief innovation officer di Korres per i loro pensieri.

Incontrare l’esperto

  • Robyn Gmyrek, MD è un dermatologo certificato a bordo che ha ricevuto il riconoscimento nazionale per i suoi contributi alla dermatologia estetica. È specializzata in dermatologia estetica e generale e tiene conferenze a livello nazionale su tecniche che includono la chirurgia laser, iniezioni di Botox, scleroterapia per la rimozione delle vene delle gambe e iniezioni di filler per la correzione delle rughe.
  • Rochelle Weitzner è la fondatrice e CEO di Pause Well Aging, un marchio pioniere della cura della pelle focalizzato sui cambiamenti chiave della pelle che avvengono con le tre fasi della menopausa e la riduzione degli estrogeni.
  • Lena Korres è la co-fondatrice e chief innovation officer di Korres. È stata scelta dal CEW’s (Cosmetic Executive Women) United Kingdom Board per gli Achiever Awards nel 2007.

Le tre fasi della menopausa

Generalmente, parliamo della menopausa come un concetto globale, ma in realtà è una fase in tre parti: Perimenopausa, menopausa e postmenopausa. La perimenopausa può iniziare da 8 a 10 anni prima della menopausa, quando le ovaie producono progressivamente meno estrogeni e può iniziare già a 30 anni; la menopausa è il periodo di un anno in cui una donna non ha il suo periodo mestruale; e la postmenopausa viene dopo la menopausa e può durare fino a un decennio o più.

Come cambia la tua pelle durante questo periodo

Secondo Gmyrek, inizierai a vedere assottigliamento, cedimento, rughe e scarsa guarigione delle ferite durante la perimenopausa, poiché il declino della funzione ovarica porta a una diminuzione dei livelli di estrogeni. Poi, una volta raggiunta la menopausa, “c’è una completa carenza di estrogeni e i cambiamenti della pelle sono molto più pronunciati”, spiega. Questi includono:

  • Secchezza: Quando i livelli di estrogeni diminuiscono, le donne sperimentano una maggiore secchezza a causa della diminuzione della produzione di sebo (o olio).
  • Disidratazione: Con l’età, i nostri livelli di acido ialuronico (che mantengono la pelle idratata) diminuiscono.
  • Pori allargati: I pori appariranno più grandi a causa dell’indebolimento del collagene e del tessuto elastico.
  • Acne: A causa dei cambiamenti ormonali, le donne possono scoppiare durante la peri-menopausa e la menopausa.
  • Macchie solari o macchie dell’età: Gmyrek dice che questo non è specificamente legato al ritiro degli estrogeni, ma piuttosto si verifica in concomitanza a causa della fase della vita e dell’età.

Quali modifiche alla cura della pelle dovrebbero fare le donne quando entrano in queste diverse fasi della menopausa?

Per la secchezza: Gmyrek dice che quando iniziano queste fasi, dovresti cambiare i tuoi detergenti schiumosi a base di sapone con qualcosa di più delicato e nutriente come i detergenti in crema (non a base di sapone). Questo perché le formule a base di sapone tendono a tirare l’olio dalla pelle. Gmyrek raccomanda anche l’idratazione con creme idratanti che contengono ceramidi, glicerina o acido ialuronico (non lozioni, perché queste sono a base di acqua e/o alcool e non bloccano l’idratazione quanto una crema idratante ricca di emollienti e olio). Raccomanda di applicare la crema idratante mentre la pelle è ancora umida per un migliore assorbimento.

Per l’acne: Poiché la pelle è più sottile e più secca durante la menopausa, vorrete stare alla larga dai rimedi per l’acne. Gmyrek raccomanda un detergente senza sapone con acido salicilico per liberare i pori e un gel adapalane topico da 2 a 3 volte a settimana.

Per le rughe e le linee sottili: “La maggior parte dei prodotti da banco disponibili senza prescrizione sono difficili da valutare scientificamente perché i dati degli studi non sono disponibili”, dice Gmyrek. “I due ingredienti che raccomando di più sono la vitamina A topica sotto forma di retinoidi o retinolo e la vitamina C topica”. Raccomanda di comprare un prodotto in un contenitore o tubo protetto dalla luce, perché la vitamina A è inattivata dalla luce del sole e, proprio per questo motivo, raccomanda anche di applicarla solo la sera prima di dormire. Se la tua pelle non risponde bene ai retinoidi, ti consiglia anche il bakuchiol, un estratto vegetale di origine naturale che offre gli stessi benefici di un retinolo ma è meno irritante e meglio tollerato dalla pelle sensibile. Per quanto riguarda la vitamina C, Gmyrek dice che è essenziale perché aiuta a stimolare il collagene e a proteggere la pelle dai danni ossidativi. Raccomanda il siero CE Ferulic di SkinCeuticals “perché è stato dimostrato in studi di peer-reviewed di essere stabile e quindi attivo sulla pelle.”

Più importante, raccomanda di applicare costantemente il gold standard, la protezione solare. “Hai bisogno di protezione solare più che mai dopo la menopausa”, esorta Gmyrek. “La pelle è più sottile e più fragile, quindi è importante proteggerla dal sole. Usate una protezione solare etichettata SPF 30 (o superiore – il fattore SPF è una misura di protezione solo contro la luce UVB) per essere sicuri di essere protetti contro la luce UVA e assicuratevi che l’etichetta dica “ampio spettro”. Le macchie dell’età saranno peggiori se si continua a prendere il sole.”

Esfoliazione: La pelle che invecchia vedrà accumularsi più cellule morte sullo strato superiore, ma poiché la pelle è sottile e più sensibile, dovrai andarci piano nel cercare di eliminarle. “L’esfoliazione può aiutare a rimuovere le cellule morte rapidamente e facilmente, incoraggiando il rinnovamento cellulare, ma bisogna fare molta attenzione e scegliere, prima di tutto, un prodotto esfoliante delicato da usare a casa e non più di due volte a settimana”, avverte Korres.

Gmyrek raccomanda di usare una crema contenente il 12% di acido lattico, che aiuta a scalfire lo strato di pelle morta e allo stesso tempo idratare.

Investire in prodotti di qualità: Mentre i prodotti specifici per la menopausa possono non essere all’avanguardia nel panorama della cura della pelle, due marchi progressisti stanno spostando l’ago e sviluppando formule mirate alle donne in menopausa basate sulle loro esigenze uniche con ingredienti che hanno dimostrato di funzionare.

Pause Well Aging, un marchio dedicato ai cambiamenti fisiologici che avvengono durante le tre fasi della menopausa, fortifica i suoi prodotti con il suo Pause Complex che è una miscela proprietaria di vitamine, antiossidanti e peptidi che lavorano insieme sinergicamente per innescare la produzione di collagene, alleviare l’eccessiva secchezza, migliorare la densità della pelle e concentrarsi sulla luminosità (il suo preferito dai fan Hot Flash Cooling Mist è un game-changer). Il marchio ha anche sviluppato uno strumento di stimolazione fasciale, un dispositivo medico brevettato di classe 1 registrato dalla FDA, che migliora la vascolarizzazione (flusso sanguigno) per restituire luminosità alla pelle. Meglio ancora, Pause è un marchio che non solo cammina, ma parla anche: “Non diciamo mai le parole anti-età: Per noi, questo suggerisce che siamo contro l’invecchiamento, cosa che certamente non siamo”, dice Weitzner. “Parliamo di Well-Aging: invecchiare bene, alle nostre condizioni, nel modo che scegliamo. Crediamo che tutti dovrebbero avere gli strumenti per abbracciare l’invecchiamento alle proprie condizioni.”

Korres skincare è anche lavorare per risolvere i problemi che le donne vedono nella loro pelle durante la menopausa. La sua linea White Pine Meno-Reverse è clinicamente provata per migliorare l’elasticità, rassodare, diminuire la comparsa di rughe profonde, aumentare la resilienza della pelle e combattere le macchie dell’età. Riporta anche i livelli di acqua vitale e la densità della pelle ai livelli pre-menopausa. “La scoperta è stata così preziosa e preziosa che ha sbalordito le università coinvolte nella ricerca”, dice Korres. “Questo primo ingrediente globale è stato aggiunto al W-INCI (elenco mondiale INCI) sotto il nome Korres.”

Vedi il tuo dermatologo: Se il tuo budget lo permette, Gmyrek dice che i trattamenti di resurfacing come il laser e la radiofrequenza a microaghi possono aiutare a stimolare il collagene. “Questi trattamenti feriscono delicatamente la pelle in modo molto controllato”, spiega. “Questa ferita controllata provoca una risposta di guarigione della ferita che stimola la produzione di nuovo collagene e tessuto elastico.”

Altri cambiamenti nello stile di vita che puoi fare

  • Esercizio: Muoversi fisicamente giova alla pelle aumentando l’apporto di ossigeno e sostanze nutritive in quanto aumenta il flusso sanguigno, che aiuta anche a rimuovere le tossine dalla pelle che causano un’ulteriore rottura del collagene e dell’elastina. Inoltre, è stato dimostrato che l’esercizio fisico migliora i modelli di sonno. Il che ci porta al prossimo punto…
  • Il sonno: “Il sonno è il momento in cui il corpo ripara i danni”, dice Gmyrek. “Se non si ottiene un sonno di qualità, si riparano meno danni quotidiani al collagene e all’elastina. Uno studio ha dimostrato che anche le donne in pre-menopausa che non dormivano bene mostravano segni più estesi di invecchiamento della pelle, tra cui linee sottili, pigmentazione irregolare e ridotta elasticità della pelle”. Se hai problemi ad addormentarti e/o a rimanere addormentato, raccomanda una visita al tuo medico.
  • Mangia bene: Gmyrek raccomanda di mangiare acidi grassi essenziali, come gli omega 3 che si trovano nel salmone, nelle noci, nelle uova fortificate, negli oli di alghe, nel lino, nell’olio di cartamo e nelle sardine per mantenere intatta la barriera della pelle, un fattore chiave per mantenere l’umidità della pelle. Incoraggia anche gli ortaggi e la frutta per i loro antiossidanti che possono aiutare a preservare la salute della pelle.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.